Cosa sono?

Il bambino piange, urla e grida disperatamente, e questo può capitare nelle situazioni più svariate: non vuole andare a scuola, non vuole spegnere la tv, vuole altri cioccolatini, ecc.

Queste reazioni dei bambini, conosciute come capricci, possono sembrare eccessive rispetto al motivo che le ha scatenate e spesso un genitore si trova in difficoltà nel doverle gestire.

Da cosa sono causati?

Il motivo per cui scoppiano i capricci appare spesso poco rilevante agli occhi dei genitori, ma per capirli davvero dal punto di vista di un bambino occorre allontanarsi dall’idea che siano comportamenti esagerati, isterici e inspiegabili. I capricci non sono solo capricci, sono sempre manifestazioni di un disagio o di un bisogno profondo di tuo figlio. È vero che il capriccio può scatenarsi per una “banalità”, ma in realtà solitamente non è nella situazione in sé che possiamo trovare la vera causa. Si tratta di richieste che nascondono altri bisogni: di attenzione, di amore, di comprensione. Ma il bambino riesce a comunicare tali bisogni solo in questo modo. Magari non sa come dirlo, non si sente ascoltato e capito e il capriccio rappresenta l’ultima spiaggia per attirare l’attenzione, nel bene e nel male.

Proviamo a pensare quando succede la stessa cosa a noi adulti: ci innervosiamo e ci lamentiamo perché il nostro capo al lavoro ci impone cose che non riusciamo a sostenere, il nostro compagno/a ci trascura e non ci sentiamo capiti, il nostro amico ci tradisce. L’unica differenza è che noi adulti abbiamo altri strumenti emotivi per affrontare queste situazioni, che abbiamo imparato crescendo, mentre tuo figlio no, ha bisogno di essere guidato a gestire le sue emozioni.

Soluzioni

Individuare la vera richiesta del bambino è il primo passo per comprendere come gestire il capriccio: se si conosce la causa scatenante e se si agisce su di essa, tutti i tipi di capricci possono essere risolti.

La consulenza di uno specialista può aiutarti a individuare in breve tempo le cause dei comportamenti problematici, i veri bisogni del tuo bambino e le strategie più efficaci per gestire i capricci.